Prima di parlare di hacking vero e proprio è necessario fare una breve introduzione sui Sistemi Operativi, poichè rappresentano la base del nostro pc e per poter svolgere al meglio l’attività di hacker è molto importante avere una conoscenza, meglio se approfondita, di questi.

Per Sistema Operativo (o software di sistema) si intende un gruppo di programmi che gestiscono il funzionamento di base del computer, e esso rimane sempre in funzione dal momento dell’accensione fino allo spegnimento del pc. Dal Sistema Operativo dipendono tutte le funzioni dei programmi che vengono installati su di esso, come l’aspetto grafico delle visualizzazione sul monitor, la scrittura e la lettura dei dischi, l’esecuzione e la chiusura dei vari programmi, l’invio e la ricezione di dati. Il Sistema Operativo risiede nell’hard disk come tutti gli altri programmi, e senza di esso un computer non è in grado di funzionare, infatti può solo eseguire il boot e poi arrestarsi con un messaggio d’errore quando rileva l’assenza del sistema operativo.

Esistono diversi Sistemi Operativi, i più diffusi sono Windows della Microsoft, cn le varie versioni dal remoto “95” al recente “Vista”, MacOS della Apple per i compute Macinthos, Unix e Linux che a mio parere rappresentano il futuro dell’informatica in quanto sono Sistemi Operativi innanzitutto gratuiti poichè fatti da persone che amano il computer, e inoltre garantiscono una personalizzazione dell’user e una libertà di utilizzo unica, comunque per usare questi sistemi operativi bisogna avere una buona preparazione informatica perchè sono definiti “a linea di comando”, infatti bisogna conoscere parecchi codici per poterli fare funzionare al meglio. Ciò però consente una incredibile libertà di utilizzo e personalizzazione del nostro computer, a differenza di Windows e MacOS che sono sistemi operativi “a interfaccia grafica” dove tutto è più schematizzato e semplificato. I sistemi Unix e Linux sono molto simili tra loro, l’unica differenza è che Linux gira su pc, mentre Unix va su macchinari più potenti, come per esempio mainframe.

Personalemente ho creato una nuova partizione nel mio hard disk attraverso il programma Norton Partitin Magic 8.0, che mi permette di poter usare a mia scelta sia Windows (io uso Windows Xp Professional e sconsiglio l’uso del Vista x motivi ke vedremo in seguito), sia Rudiae Linux, una nuova versione di Linux basata su Ubuntu, completamente in italiano con una grafica e funzionalità buona.

Linux

Queste sono le basi x un hacker.. la prima cosa è conoscere il proprio pc.. spero di non annoiarvi!

Alla prossima