Alcune volte capita che il pc si spenga in malo modo perchè va via improvvisamente la luce o a causa di un riavvio inaspettato, e se si era connessi su emule e si stavano scaricando file, può capitare che alcuni di questi file che erano in download scopaiano, anche se nella cartella Temp, la cartella dei file temporanei di emule, sia ancora presente. Questo accade perchè a causa dell’arresto non programmato del sistema i file .part.met si sono corrotti.

emule

Per evitare di perdere del tempo per riscaricare i file, è possibile recuperare i file corrotti tramite due procedimenti:

Il primo consiste nell’andare nella cartella Temp di emule (Risorse del Computer–>Unità C–>Programmi–>Emule–>Temp) e rinominare i file .part.met.back dei file corrotti in .part.met. Dunque se per esempio il file corrotto è esempio.part.met, voi dovete rinominare esempio.part.met.back in esempio.part.met dopo aver eliminato il primo esempio.part.met. Purtoppo però questo metodo non funziona sempre.

Se non siete riusciti a risolvere con il primo metodo, con questo secondo metodo dovreste risolvere certamente, tramite l’utilizzo di un software che consente il recupero dei file corrotti .part.met. Per prima cosa scaricate il programma MetFileRegenerator cliccando qui. Installatelo e quando l’installazione sarà finita avviate emule e nella schermata in basso su Server vi compariranno dei messaggi indicanti i file temp corrotti. A questo punto aprire MetFileRegenerator e per impostare la lingua italiana cliccate su File, poi su Change Language e selezionate italiano. Vi ricomparirà la stessa finestra iniziale solo che tradotta in italiano. Selezionate Recupero poi cliccate su Avanti e selezionate la cartella dei file temporanei di emule, che solitamente si trova in C:\Programmi\Emule\Temp e poi cliccate su Apri. Fatto ciò controllate se su trasferimenti sono ricomparsi i download corrotti, se così non fosse andate nella vostra cartella di installazione di eMule, e aprite il file downloads.bak con il blocco note. In questo file c’è scritto a quale link ed2k corrisponde un determinato file part incluso quello corrotto. A questo punto dovete selezionare il link ed2k a fianco del numero di part corrotto (quello scritto in rosso nella schermata server, che eMule non riconosce più) e copiarlo ed inserirlo in eMule, utilizzando la funzione Strumenti–>Incolla Ed2k Link incollandolo nella finestrella che appare, confermando il tutto cliccando su Download. Cliccate col tasto destro sul file appena immesso in download e su Informazioni sul File e copiate il numero del file .met presente nella seconda riga. Andate in Start–>Programmi–>MetFileRegenerator e cliccate su MetFileRegenerator. Nella prima schermata selezionate Mostra/Cambia, cliccate su Avanti e selezionate il part.met del file che avete messo in download con eMule,non il corrotto ma quello di cui avete appena scaricato qualche kylobyte, e verificate che i dati corrispondano. Se i campi sono vuoti, significa che dovete scaricare ancora qualche kilobyte per permettere al programma di ricostruire il file corrotto, quindi cliccate su Indietro, aspettate ancora qualche kylobyte e cliccate su Avanti. Cliccate indietro fino alla schermata iniziale e selezionate Recupero, poi Avanti, stavolta selezionate il part.met corrotto, cliccate su Avanti e vedrete una barra di scorrimento. Il programma sta recuperando il vostro file. Al termine potrete chiudere MetFileRegenerator oppure se avete più di un file corrotto cliccare su avanti e ripetere tutta la procedura. Potete quindi annullare il download iniziato per recuperare quello corrotto (tasto destro sul file–>Annulla) e importare quello che avevate perso cliccando su Strumenti–>Importa Download e cliccando su Aggiungi File, selezionate la vostra cartella temp e cliccate su OK. A questo punto eMule rimetterà in download il file corrotto che abbiamo provveduto a recuperare.

Potete anche provare con i software MetMedic e DonkeyDoctor.