Poche ore dopo la chiusura dei seggi elettorali, le prime proiezioni dei risultati danno favorito il centrodestra.
Nonostante la supremazia del Pdl, sembra che il Pd di Veltroni abbia in parte colmato quel gap che, da qualche settimana, lo condannava a rimanere secondo a Berlusconi.
Il risultato, ancora non ufficiale, più sorprendente, rimane comunque quello della Lega nord, che è riuscita ad ottenere molti più seggi delle ultime elezioni. Anche l’Mpa, il partito per l’autonomia del Sud, forse riuscirà ad ottenere dei seggi.
Grande delusione, invece, per la Sinistra Arcobaleno che, persa quasi del tutto la speranza di eleggere almeno un senatore, vede svanire anche quella riguardante le elezioni per la camera dei deputati.
L’unico partito al di fuori del grande sistema bipolare creato da Pdl e Pd, che riuscirà con grandi probabilità ad eleggere dei deputati, è l’Udc. Difficile è, però, il successo al senato.
I valori che riguardano, invece, l’affluenza ai seggi, segnano un calo rispetto alle scorse elezioni di circa 3-4 punti.
Riporto di seguito le prime proiezioni dei risultati elettorali:

Camera dei Deputati:
Pdl 37,3
Lega Nord 7,0
Mpa 0,9

Pdl-Lega-Mpa 45,2
Pd 34,0
Italia dei Valori 5,1

Pd-IdV 39,1
Udc 5,3
Sinistra Arcobaleno 3,4
La Destra 2,8

Senato della Repubblica:
Pdl 36,7
Lega Nord 8,7
Mpa 0,9

Pdl-Lega-Mpa 46,3

Pd 34,7
Italia dei Valori 4,1

Pd-IdV 38,8
Udc 5,5
Sinistra Arcobaleno 4,3
La Destra 2,6