Dominio Ferrari in Francia, ieri nell’ottavo gran premio del mondiale 2008. Un dominio confermato dalla doppietta finale, dove Massa ha preceduto il compagno di squadra. Ma Raikkonen meritava di più la prima posizione e l’aveva di mostrato già, durante le qualifiche e la prima parte della gara: pole position e continui giri veloci, fra cui anche il record assoluto della pista.
Stavolta il problema è stato un terminale di scarico. Dopo aver imposto la sua superiorità, infatti, il pilota finlandese ha visto affievolirsi la spinta della sua Ferrari, dovendosi arrendere alle prestazioni ovviamente migliori, della vettura di Massa.
Ma aver siglato una doppietta non significa soltanto avere una macchina affidabile, ma anche avere dei piloti capaci di concorrere alla vittoria del mondiale. e Raikkonen l’ha dimostrato, piazzandosi al secondo posto, con tutte le difficoltà subite durante la gara.
La vittoria della Ferrari, comunque, è stata anche favorita dal ritmo delle altre scuderie, decisamente sottotono, tanto che il terzo posto è stato occupato dall’italiano Jarno Trulli, su Toyota.
Il vincitore della gara precedente, Kubica, è arrivato solo quinto, mentre Hamilton, già svantaggiato per la retrocessione in tredicesima posizione, decisa dalla FIA in seguito all’irregolarità commessa in Canada, dopo una partenza a razzo, ha dimostrato ancora una volta la sua ingenuità nelle situazioni difficili: dopo aver tagliato una chicane, non restituisce la posizione che aveva guadagnato su Vettel e rimedia la penalità del “drive-through” . il pilota britannico concluderà la sua gara in decima posizione, mentre il suo compagno di squadra Kovalainen arriverà quarto, dopo una gara poco entusiasmante.
Scorrettezze, errori e inaffidabilità a parte, questo mondiale continua ad essere sempre più aperto. La classifica piloti, infatti, viene di nuovo rivoluzionata, questa volta a favore di Massa (48 punti), seguito da Kubica (46) e Raikkonen (43), che stacca Hamilton (38 ) di dieci punti. Nella classifica costruttori, invece, continua il dominio Ferrari (91), che ancora non può essere impensierita né dalla Bmw (74) che dalla McLaren (58).

Di seguito l’ordine di arrivo di oggi:

1 Felipe Massa 1:31:50.245
2 Kimi Räikkönen +17.9 secs
3 Jarno Trulli +28.2 secs
4 Heikki Kovalainen +28.9 secs
5 Robert Kubica +30.5 secs
6 Mark Webber +40.3 secs
7 Nelsinho Piquet +41.0 secs
8 Fernando Alonso70 +43.3 secs
9 David Coulthard +51.0 secs
10 Lewis Hamilton70 +54.5 secs
11 Timo Glock +57.7 secs
12 Sebastian Vettel +58.0 secs
13 Nick Heidfeld +62.0 secs
14 Rubens Barrichello +1 Lap
15 Kazuki Nakajima +1 Lap
16 Nico Rosberg +1 Lap
17 Sebastien Bourdais +1 Lap
18 Giancarlo Fisichella +1 Lap
19 Adrian Sutil +1 Lap