Il successo era assicurato. Ma il record nessuno l’avrebbe mai immaginato.
Eppure The Dark Knight, il sequel di Batman Begins, ha sbancato. Sono già pari a 221 milioni di dollari gli incassi della prima settimana. E 158 nei soli primi tre giorni: un record.
Il secondo capitolo della nuova serie cinematografica di Batman, firmata Christopher Nolan, ha battuto gli incassi di Spiderman 3, de I Pirati dei Caraibi e di Star Wars: La Vendetta dei Sith.
C’era grande attesa, scaturita anche dall’attore che interpreta la parte dell’antagonista (o co-protagonista?) di Batman, il Joker. Una parte impegnativa, considerato il suo predecessore, Jack Nicholson, che interpretò il Joker nel vecchio Batman di Tim Burton, ma triste. Completate le riprese del film, infatti, Heath Ledger è morto di overdose per abuso di farmaci, senza poter ammirare, ancora una volta, la sua grande bravura di attore.
La storia di Batman e del Joker non riprendono esattamente quelle dei film precedenti, ma il personaggio è perfetto. Uno schizzato, un pazzo che prova piacere solo nell’osservare il dolore degli altri, che ama giocare e divertirsi con la loro vita.
Il cavaliere oscuro, è questo il titolo italiano, è un gran film e merita di essere visto al cinema. Piacerà ai fans di Batman.
Sono pochi i difetti: qualche inquadratura sbagliata e qualche esagerazione di troppo che potrebbero far definire, il film, troppo “americano”.
La critica americana, inoltre, parla già di oscar postumo per Heath Ledger. Speriamo.