Nuovo successo per la Apple. L’azienda di Cupertino, e il CEO Steve Jobs, possono essere più che soddisfatti, come spesso accade quando viene lanciato sul mercato un prodotto con una mela.
Anche l’ultimo arrivato, l’iPhone, il rivoluzionario telefono cellulare dalle più disparate funzionalità, ha battuto tutti i concorrenti.
Proprio in questi giorni, infatti, è stata pubblicata un’indagine della NDP sugli acquirenti maggiorenni di telefoni cellulari. I risultati, riferiti al terzo trimestre del 2008, confermano la superiorità sul mercato del melafonino rispetto al modello di punta della Motorola, il RAZR, primo in classifica da circa tre anni.
La NDP ha inoltre rilevato un calo delle vendite di apparecchi telefonici negli Stati Uniti, pari al 15% circa, che, comunque, non impensierisce le aziende produttrici, le quali, a loro volta, hanno ben pensato di aumentare il costo medio di un telefono cellulare del 6%.
Dalla classifica proposta dalla NDP, si nota come quattro posti sui primi cinque, sono occupati da telefonini non più dotati di sole funzioni standard (iPhone, Blackberry Curve, LG Rumor e enV2), a testimonianza del fatto che il mercato di settore sta rapidamente cambiando, indirizzando la richiesta del pubblico verso nuove forme di comunicazione come quelle offerte dalla connessione wireless su Internet.
Oltre all’accesso nella rete, la richiesta del pubblico fa lievitare la quantità di acquisti di telefonini dotati di un tastierino QWERTY, pari al 30%, e che funzionano come player di musica, pari al 70%.
Da notare, comunque, la resistenza, ancora forte, di un telefonino standard come il RAZR, che conferma ancora una volta come buona parte degli utenti desiderino o si accontentino semplicemente di un apparecchio capace di effettuare e ricevere chiamate vocali.