finished

Da pochi giorni e’ disponibile WordPress 2.7, l’ultima versione della piu’ famosa ed affidabile piattaforma di “personal publishing”, strutturata in PHP e MySQL, creata da Matt Mullenweg.
Tante le novita’ rispetto alla versione precedente, a cominciare da una rinnovata e migliore veste grafica che consente di usufruire delle varie funzionalita’ in modo semplice e veloce. Inoltre vi e’ un utilissimo sistema di aggiornamento automatico, e per aumentare il livello di sicurezza è stata aggiunta una nuova chiave segreta da inserire nel proprio file wp-config.php.

Pero’ puo’ capitare che l’aggiornamento da una versione precedente, o la nuova installazione di WordPress 2.7 non riesca se il vostro distributore di hosting utilizza SuExec per gestire i permessi dei file e delle cartelle, come nel caso di Aruba hosting Linux.
L’aggiornamento automatico provvede a cambiare i permessi dei file alla fine della procedura di aggiornamento mettendo permessi 0644 e cambia i permessi delle cartelle a 0755, comportando il non funzionamento del blog dopo l’aggiornamento automatico.
Per ovviare a questo problema e’ necessario inserire nel file wp-config, oltre ai vari dati del database, anche questa stringa:

define(‘FS_CHMOD_FILE’,0755); define(‘FS_CHMOD_DIR’,0755);

Fatto cio’ wordpress dovrebbe girare correttamente.

Se cio’ non fosse, per esperienza personale, dovrete inserire sempre nel file wp-config.php anche il localhost del vostro database. Nel file wp-config e’ presente una descrizione accanto ad ogni valore da settare, in modo tale da facilitare le operazioni e renderle comprensibili anche ai meno esperti, pero’ riguardo il localhost non e’ presente alcuna descrizione, e addirittura nella versione precedente si diceva che “al 99% non dovrebbe esserci necessità di modificare questo valore”, inducendo gli utenti a non modificare la stringa define(’DB_HOST’, ‘localhost’). Invece per il corretto funzionamento di wordpress, in particolare su server aruba linux (ricordiamo che su aruba windows wordpress non funziona), e’ importante settare anche il localhost, che potete trovare, nel caso di aruba, andando nel pannello di controllo di aruba nel riquadro informazioni.