Spettacolare pareggio per 3-3 tra Inter e Roma. Una grandissimo primo tempo della Roma, una fantastica rimonta dell’Inter. Prima De Rossi stacca alla grande sul cross di Motta e insacca baciando il palo interno, mentre poco dopo è Riise a realizzare il suo primo gol italiano da posizione pressoché impossibile, con un tocco mancino sotto misura che passa tra le gambe di Julio Cesar e scivola in rete.
Poi Balotelli entra veramente in partita accorciando le distanze al 50′ a seguito del buon lavoro di Adriano, ma al 57′ la ripartenza giallorossa colpisce, con il solito Brighi che insacca all’angolino di destro sul blocco di Baptista che mette fuori tempo Cambiasso.
L’Inter, però, non muore mai e rientra nuovamente in partita grazie a Mario Balotelli. Il giovane interista entra in area da sinistra al 62′ e sbatte contro De Rossi che per togliere il piede finisce per colpire l’avversario con il ginocchio per un rigore che può starci.
Trovato il 2-3, Mourinho si affida a Hernan Crespo, l’uomo giusto al momento giusto. L’argentino entra al 78′ e un minuto dopo è lì in area per staccare da fuoriclasse sul cross dalla trequarti di Figo e per depositare sotto l’incrocio il pallone del clamoroso 3-3.

Il Milan è in crisi. Dopo la brutta eliminazione in Coppa Uefa, i rossoneri erano chiamati alla riscossa in campionato per continuare a cullare il sogno scudetto e per consolidare il terzo posto. A Genova, però, il Milan viene travolto da una Sampdoria spietata che punisce Abbiati con Cassano nel primo tempo e con Pazzini nella ripresa. Pato, al 12° gol in campionato, è l’unica notizia positiva per i tifosi rossoneri che nel finale esultano anche per il pareggio firmato da Emerson, ma la loro gioia viene strozzata sul nascere da Rocchi che annulla per fuorigioco.
Milan che conserva comunque in solitaria il terzo posto visto che Fiorentina e Genoa non ne approfittano. La Viola, priva dello squalificato Gilardino, ottiene un punticino a Reggio Calabria che va molto stretto ai padroni di casa. Bonazzoli, alla prima rete in viola, risponde alla bellissima conclusione di Sestu, poi ci pensa Frey a blindare il risultato parando praticamente di tutto. Termina invece 0-0 tra Siena e Genoa con il Grifone che può recriminare per un gol annullato a Milito (decisione dubbia) e per un palo colpito da Palladino.

Succede di tutto, invece, a Palermo con il Catania che rifila un incredibile e pesante 4-0 alla squadra di Ballardini, costretta a giocare in dieci dal 16′ per la giusta espulsione di Bresciano. La formazione di Zenga passa con Ledesma e Morimoto, poi allo scadere del primo tempo Mascara confeziona uno dei gol più belli di questo campionato bucando Amelia con un destro al volo dalla linea di centrocampo. Nella ripresa si scatena Bizzarri che indossa la maglia di Superman e respinge tutti i tentativi dei rosanero, mentre Paolucci sigla il definitivo 4-0 su contropiede.
Nelle altre partite di giornata, colpaccio del Chievo che a Bergamo supera 2-0 l’Atalanta grazie ai gol di Langella e Pellissier, mentre l’Udinese si impone con lo stesso risultato contro il Lecce, in rete D’Agostino e Paquale. Infine, termina a reti bianche la sfida tra Cagliari e Torino.

Lazio – Bologna 2-0 (giocata sabato)
36° Zarate, 81° Zarate
Juventus – Napoli 1-0 (giocata sabato)
44° Marchisio
Atalanta – Chievo 0-2
78° Langella, 89° Pellissier (Rig.)
Cagliari – Torino 0-0
Palermo – Catania 0-4
14° Ledesma, 37° Morimoto, 44° Mascara, 66° Paolucci
Reggina – Fiorentina 1-1
21° Sestu (R), 23° Bonazzoli (F)
Sampdoria – Milan 2-1
33° Cassano (S), 51° Pazzini (S), 80° Pato (M)
Siena – Genoa 0-0
Udinese – Lecce 2-0
74° D’Agostino, 90°+4 Pasquale
Inter – Roma 3-3