falcone-borsellinoNessuno vuole andare a fare il pubblico ministero in Sicilia.
Nella terra dove sono morti ammazzati dalla mafia uomini come Giovanni Falcone Paolo Borsellino e il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, il concorso per coprire 55 posti di sostituto vacanti in quattordici Procure è stato un insuccesso totale. Si sono fatti avanti appena quattro magistrati: tre per Palermo, uno per Catania.
Per i 12 posti di Palermo si sono fatti avanti in 23, ma 20 magistrati si sono ritirati all’ultimo momento, mentre a Catania un solo posto su 7 è stato coperto e ritirate ben 11 domande.
resteranno senza titolare 7 posti a Caltanissetta, 6 a Trapani, 4 a Gela e Ragusa, 3 ad Enna, Marsala e Termini Imerese (dove, dopo il trasferimento a Palermo di due pm, rimangono solo il procuratore e un sostituto), due ad Agrigento e Nicosia, e uno a Barcellona Pozzo di Gotto, Sciacca e alla Procura dei minori di Caltanissetta.

Numeri drammatici, realtà sconcertante e gravissima come conseguenza di assenza di senso di giustizia e piu’ in generale di senso civico nella stragrande maggioranza dei cittadini italiani.
Ognuno pensa al proprio, ai propri interessi, disinteressando dei problemi della collettività. Ma la cosa più sconcertante è che in questo caso stiamo parlando di una mancanza di pm, cioè di persone che hanno scelto di lavorare per la giustizia, soprattutto in un territorio come quello siciliano (ma più in generale quello meridionale), dove c’è una grande necessità di uomini veri, che possano portare quel miglioramento alla società e scacciare il malessere mafioso.

Non è una situazione facile, ma non bisogna perdere la speranza, continuando a credere nella forza della giustizia, sull’orma dei già citati Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa e prendendo anche esempio da chi come Nicola Gratteri, magistrato attualmente Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria impegnato in prima linea contro la ‘ndrangheta, lotta quotidianamente rischiando la propria vita e quella dei suoi familiari, cercando di portare quel miglioramento sociale necessario.