grillo_pdIl comico genovese annuncia, sul suo blog, la sua corsa alla leadership del partito per “rifondare il partito, per offrire un’alternativa al Nulla”. Una sfida che parte con un attacco al vetriolo al Pd e che prende in contropiede i candidati, già impegnati in una battaglia aspra.

Non sembra una provocazione ma una “cosa serissima” quella del comico genovese, già sceso nell’arena politica con le sue liste civiche ma in realtà politicamente più vicino alle posizioni di Antonio Di Pietro che a quelle del Pd. “Dalla morte di Enrico Berlinguer nella sinistra c’é il Vuoto. Un Vuoto di idee, di proposte, di coraggio, di uomini. Io mi candido”, è l’annuncio che dal blog del comico è rimbalzato in poche ore su Facebook, il social network nel quale Grillo confida per parlare “ai giovani del Pd”.

E rilanciare le proposte di sempre, a partire dal limite di due legislature per i parlamentari “perché se ne devono andare quelli che con lo psiconano hanno disintegrato l’Italia, cioé D’Alema, Rutelli, eccetera”. L’annuncio spiazza il Pd, ancora stordito dalla polemica durissima aperta da Ignazio Marino, il chirurgo sceso in campo per rompere gli schemi. L’area Organizzazione, in una nota, evidenzia che per candidarsi bisogna essere iscritti e “in regola con i requisiti d’iscrizione: riconoscersi nel Manifesto dei Valori, nel Codice etico e nello Statuto del Pd”. Non ne fa una questione di requisiti formali, invece, il coordinatore organizzativo della mozione Bersani, Gianni Pittella: “Se al Pd servisse un commissario liquidatore, Grillo sarebbe un ottimo candidato. Ma ci serve altro”.

L’unico a dare il benvenuto al comico è il candidato blogger Mario Adinolfi che fa un appello “ai burocrati del Pd affinché non ne impediscano la candidatura”. Dal canto suo, Grillo sembra essersi già organizzato per superare la gimkana di regole congressuali: afferma di aver raccolto quasi tutte le 2000 firme necessarie per la candidatura e di essere pronto a iscriversi. E, liquidando tutti i candidati, vede un’alleata solo in Debora Serracchiani, l’eurodeputata salita alla ribalta nel Pd proprio grazie a blog e social network e ora impegnata a sostenere Dario Franceschini nella corsa congressuale. Ed è proprio Antonio Di Pietro a mettere in guardia Grillo: “La sua candidatura è una bella notizia, peccato che con una scusa o un’altra sarà respinta perché non si deve disturbare il manovratore”.