passaporto elettronicoPer la prima volta in Italia, verranno prese le impronte digitali a tutti coloro che faranno richiesta del nuovo passaporto elettronico, minori di 12 anni esclusi: per ora si partirà in due città, Grosseto e Potenza, ma presto il sistema sarà operativo in tutta Italia. La procedura è prevista dal regolamento europeo del 2004 secondo il quale tutti i passaporti elettronici devono contenere la fotografia in formato elettronico e le impronte digitali del titolare. La maggior parte degli stati membri dell’Unione ha già introdotto la fotografia ed entro giugno 2009 si dovranno inserire anche le impronte. Il passaporto elettronico, ha spiegato il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, non cambierà l’aspetto esterno, ma il microchip interno conterrà foto e impronte digitali in una modalità protetta. Con la nuova procedura, solo le questure e i commissariati saranno abilitati alla rilevazione delle impronte, mentre rimarranno invariate le competenze di comuni e carabinieri per l’accettazione delle istanze e dei relativi passaporti. “Siamo pronti” dicono dalle questure di Grosseto e Potenza, sottolineando proprio che non c’é alcun rischio per i dati sensibili. “Le impronte – spiegano dalla questura di Grosseto – saranno cancellate dagli archivi della questura dopo una settimana dal rilascio del documento”. Mentre la questura di Potenza ricorda che l’emissione del nuovo passaporto non obbliga alla sostituzione di quelli rilasciati prima del 29 giugno e ancora validi”.