ru486Arriva in Italia la pillola abortiva Ru486. Dopo dei ore di riunione il CdA dell’Agenzia del Farmaco (Aifa) ne ha autorizzato l’immissione in commercio con quattro voti a favore e uno contrario. Il farmaco, gia’ utilizzato in altri paesi europei, potra’ essere impiegato solo in ospedale ed entro il 49/o giorno di gravidanza. Oltre questo termine aumentano infatti le complicanze rispetto all’aborto chirurgico. Il CdA dell’Aifa si e’ avvalso dei pareri del Consiglio superiore di Sanita’ e ha raccomandato ai medici ”la scrupolosa osservanza della legge”. La decisione, ha voluto sottolineare l’Aifa in una nota, ”rispecchia il compito di tutela della salute del cittadino che deve essere posto al di sopra e al di la’ delle convinzioni personali di ognuno pur essendo tutte meritevoli di rispetto”. Gia’ nel pomeriggio di ieri, il possibile via libera alla pillola aveva innescato una netta reazione del Vaticano, che aveva parlato di ”veleno letale” e di ”delitto” che comporta ”la scomunica” della chiesa per chi la usa, la prescrive o partecipa a qualsiasi titolo ”all’iter”. ”Non sono stati chiariti alcuni punti oscuri del metodo relativi alla sicurezza nell’utilizzo” della Ru486: e’ il primo commento del sottosegretario al Welfare, Eugenia Roccella, la quale chiede ”chiarezza” all’Aifa. ”Come ministero – aggiunge – dobbiamo garantire la compatibilita’ con la legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza e dobbiamo garantire la sicurezza delle donne”. Soddisfatto il ginecologo torinese Silvio Viale (Radicali): ”Finalmente! prima di tutto e’ una vittoria per le donne italiane, che da oggi sono piu’ libere e hanno un’opportunita’ in piu”’. ”Ma – aggiunge – la lotta continua perche’ ora bisogna offrire l’aborto medico in tutta Italia”.



La pillola RU486 ha un verificato effetto abortivo. A base di mifepristone, è in grado di interrompere la gravidanza già iniziata con l’attecchimento dell’ovulo fecondato. L’aborto farmacologico tramite Ru486 prevede l’assunzione di due farmaci: la Ru486 appunto (che interrompe lo sviluppo della gravidanza) in abbinamento a una prostaglandina che provoca le contrazioni uterine e l’espulsione dei tessuti embrionali. Ogni Paese in cui la pillola abortiva è commercializzata ha delle regole e delle scadenze precise: la pillola può infatti essere assunta entro un certo periodo di tempo, calcolato in settimane. Quindici giorni dopo l’espulsione, che avviene nel 98,5% dei casi, la paziente viene sottoposta a valutazione ecografica e ad una visita di controllo. Cosa diversa è, invece la cosiddetta ‘pillola del giorno dopo’ Norlevo, con la quale la RU486 è spesso confusa: In questo caso si tratta di un anticoncezionale e non provoca, secondo gli esperti, l’interruzione di una gravidanza, ma impedisce l’eventuale annidamento nell’utero dell’ovulo che potrebbe essere fecondato.
La Ru486 è commerciabile in Francia dal 1988. Nel 1990 fu autorizzata in Gran Bretagna, e un anno dopo in Svezia. Dal 1999 la pillola viene ufficialmente commercializzata in Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia e Paesi Bassi, Svizzera, Israele, Lussemburgo, Norvegia, Tunisia, Sudafrica, Taiwan, Nuova Zelanda e Federazione russa. Nel 2005 il mifepristone è stato aggiunto alla lista dei farmaci dall’Organizzazione mondiale della sanità, che ha anche definito delle linee guida. L’inventore: e’ estremamente sicura.


Per voce di monsignor Giulio Sgreccia, emerito presidente dell’Accademia per la vita, il Vaticano auspica ”un intervento da parte del governo e dei ministri competenti”. Perche’ – spiega – non ”e’ un farmaco, ma un veleno letale” che mina anche la vita delle madri, come dimostrano i 29 casi di decesso. La Ru486 – afferma Mons. Sgreccia – e’ uguale, come la chiesa dice da tempo, all’aborto chirurgico: un ”delitto e peccato in senso morale e giuridico” e quindi comporta la scomunica ‘latae sententiae’, ovvero automatica.