lega-calcioRiparte il campionato di calcio italiano, in anticipo rispetto rispetto gli altri anni per via del fatto che in estate 2010 si disputeranno i mondiali di calcio in sud africa.
Il Bologna ferma la Fiorentina dimostrando di avere, almeno all’esordio, qualità che sulla carta la critica gli ha negato inserendola fra le “favorite” per la retrocessione in Serie B. Bologna e Fiorentina danno vita ad una gara equilibrata, in evidenza l’ex viola Osvaldo (autore della prima rete), e Adrian Mutu che entra nella ripresa e mette a segno un gol che nemmeno in Viviano in grande giornata riesce ad intercettare.
Il Milan della nuova gestione Leonardo trova il successo al primo tentativo, sugli scudi Alexandre Pato. Il Papero segna la doppietta che vale tre punti, Ronaldinho è finalmente incisivo anche se ha ancora bisogno di qualche minuto per carburare. Fra una settimana i rossoneri attesi dalla “prova” Inter. Per il Siena, ordinato e volenteroso, rete di Ghezzal che spinge in fondo al sacco una respinta corta di Storari.

Per la quarta stagione consecutiva l’Inter stecca l’esordio: 1-1 casalingo dell’undici di Mourinho contro un Bari neopromosso che al Meazza ha mostrato sprazzi di grande calcio. Umili i pugliesi, un po’ confusionari i nerazzurri che pensavano di bagnare l’esordio in campionato con i primi tre punti; lo Special One le ha provate tutte passando dapprima al tridente (fuori Muntari per Balotelli dopo meno di mezz’ora), poi con quattro punte (dentro anche Quaresma) a inizio ripresa. Ma al gol di Eto’o su rigore (fallo su Milito), ha replicato Kutuzov in contropiede: incredibile a Milano, l’Inter pareggia 1-1 contro il Bari.

Sofferta la patita della Juventus all’esordio contro il Chievo. I clivensi si sono presentati all’Olimpico con la stessa squadra dell’anno scorso, identico undici che poco più di quattro mesi fa aveva bloccato sul 3-3 la Vecchia Signora. Così i veneti sono scesi in campo come sanno: ordinati, compatti, aggressivi, col solito Sergio Pellissier a fare da spauracchio. Ma questa volta i bianconeri hanno vinto: merito dei due nuovi acquisti Diego e Cannavaro, merito soprattutto di Iaquinta, match-winner con la sua incornata a metà del primo tempo.

Spettacolo nei due incontri più attesi della giornata dove Genoa e Palermo battono Roma e Napoli. Il Parma sfiora il colpaccio sul terreno dell’Udinese, impresa che riesce allo scadere alla Sampdoria a Catania. Rocchi regala alla Lazio il successo sull’Atalanta; pari a reti bianche tra Livorno e Cagliari.