champions_leagueAll’Olimpico esordio stagionale in Champions League per Juventus e Bordeaux, due squadre guidate da due ex compagni di squadra (Ferrara e Blanc insieme al Napoli), giovani e intelligenti. Ne esce fuori un match senza esclusione di colpi, gradevole, pieno di emozioni, una gara che i bianconeri hanno cercato di interpretare al meglio senza mai riuscire a venirne davvero a capo. Eppure alla fine le occasioni migliori, probabilmente, sono capitate ai giocatori di casa, andati in vantaggio con Iaquinta nella ripresa e vicini al secondo gol un paio di volte; il pareggio di Plasil una doccia fredda, vano l’assalto finale (traversa di Marchisio).

rossoneri riassaporano il gusto della vittoria nella competizione più “familiare”, battendo a domicilio l’Olympique Marsiglia grazie al supporto della vecchia guardia. Un successo che porta i nomi di Clarence Seedorf, dell’attentissimo Alessandro Nesta, ma soprattutto del sempreverde Pippo Inzaghi, autore dell’ennesima prova maiuscola. Con questa doppietta Inzaghi raggiunge quota 68 reti nelle coppe europee, ad un solo goal da Gerd Muller.
Leonardo inserisce Seedorf al posto del discusso Ronaldinho come suggeritore delle punte (Inzaghi e Pato). L’olandese ripaga il tecnico brasiliano con una prestazione eccellente.

Gol Juventus-Brodeaux e Marsiglia-Milan

La supersfida tra Inter e Barcellona, un po’ a sorpresa, si è chiusa sullo 0-0. Chi si aspettava una pioggia di gol tra i due attacchi stellari non è stato accontentato, anche se le occasioni da gol non sono mancate. Soprattutto per i campioni d’Europa che hanno schiacciato l’Inter, che ha giocato meglio nella prima frazione di gioco, nella propria metà campo. Mourinho per la supersfida di San Siro, valida per il gruppo F della massima competizione europea, si affida a Muntari con la coppia d’attacco titolare composta da Milito, al suo debutto in Champions, e il grande ex Eto’o. Guardiola si affida invece al tridente Messi, Ibrahimovic, a cui i tifosi nerazzurri non hanno risparmiato qualche fischio al suo ritorno al Meazza nonostante i buoni propositi della vigilia, ed Henry.

La Fiorentina stecca la prima in Champions League: il Lione trionfa 1-0, dominio assoluto dei francesi al Gerland. Allo Stade de Gerland tutto esaurito. La Fiorentina inizia il suo cammino della Champions League 2009-2010. Di fronte i francesi del Lione, avversario non proprio facile per gli uomini di Prandelli