ponte“A dicembre e gennaio cominceremo il lavori per la realizzazione del ponte sullo stretto”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso del suo intervento al convegno a Villa Madama, alla conferenza di presentazione dei piani di sviluppo di Malpensa e Fiumicino.
Ed e’ polemica dopo le dichiarazioni di Berlusconi. Francantonio Genovese, segretario regionale del Pd in Sicilia, respinge l’idea della ripresa dei lavori per la costruzione del ponte sullo stretto di Messina, sostenendo che “la Sicilia, e il Sud hanno altre priorità”. “Parlare poi della costruzione del ponte di Messina all’indomani di una tragedia ambientale con trenta morti e centinaia di sfollati è, tra l’altro, offensivo”, secondo il pensiero di Genovese, perché “il nostro territorio ha bisogno di risorse per ripristinare i danni dell’abusivismo e per costruire infrastrutture veramente indispensabili”. E le priorità, per Genovese, sono “strade e ferrovie che garantiscano la crescita delle nostre terre, non progetti faraonici, di dubbia attuazione, vere e proprie cattedrali nel deserto utili solo alla celebrazione di un governo del fare che in realtà sa fare solo annunci”.

Per la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina “entro il 2010 parte il cantiere principale”. Lo ha detto Pietro Ciucci, amministratore delegato della società Stretto di Messina e commissario per la realizzazione dell’opera, a margine della presentazione dei piani di sviluppo di Adr e Sea per la quale il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha parlato anche del progetto del ponte. Prima dell’apertura del cantiere principale partono altri “lavori propedeutici” ha detto Ciucci, spiegando per esempio che verrà spostata la linea ferroviaria a Villa San Giovanni. “Lavori di intesa con Ferrovie che verranno fatti da Stretto di Messina”. Ad oggi, ha detto Ciucci, “siamo entrati nella fase finale della progettazione esecutiva: l’obiettivo è impegnativo ma ci siamo impegnati. Per questa prima fase ci sono circa 30 milioni di euro disponibili, e sono previste altre opere a terra anche in Sicilia”. Dei sei miliardi di investimento, “un terzo riguarda opere a terra che si possono anticipare”.