I rossoneri pareggiano, in casa contro il Real Madrid, non concedendo la replica dell’esaltante prestazione (condita dalla vittoria) del Santiago Bernabeu di 15 giorni fa. Arriva comunque un punto, un po’ sofferto ma meritatissimo, per la squadra di Leonardo capace di reggere l’intensità della gara e di rendersi sempre pericolosa. Ancora una volta, come capita ormai da 15 giorni, proprio dall’incredibile errore di Madrid, il Milan deve ringraziare nel finale il suo portiere Dida, nuovamente ritrovato in una carriera contraddistinta da vette altissime e da baratri altrettanto profondi.

Girone C

Milan – Real Madrid 1-1
30° Benzema (R), 36° Ronaldinho (M, Rig.)
Marsiglia – Zurigo 6-1
4° Aegerter (M, Aut.), 12° Abriel (M), 32° Alphonse (Z), 53° Niang (M), 81° Hilton (M), 88° Cheyrou (M), 90°+1 Brandao (M)

Milan 7
Real Madrid 7
Marsiglia 6
Zurigo 3

La Juve mette mezzo piede sulla qualificazione agli ottavi di finale di Champions League: la vittoria in Baviera del Bordeaux facilita il lavoro dei piemontesi che conquistano sei punti su sei contro i modesti israeliani del Maccabi Haifa e ora gli occorrerà non perdere contro i tedeschi a Torino nell’ultima partita del Girone A. A Tel Aviv si assiste a una partita non bella, neanche così brutta, dove i bianconeri soffrono il minimo e ottengono il massimo grazie a un gol di Mauro German Camoranesi sul finale di primo tempo; la prima frazione è stata la più bella, dove gli ospiti hanno sfiorato più volte i gol ma anche i padroni di casa hanno rischiato di mettere in difficoltà Buffon e soci. Poi il gol dell’oriundo e una ripresa oscena, alla fine vince la formazione italiana che riscatta così la sconfitta col Napoli.

Girone A

Bayern Monaco – Bordeaux 0-2
38° Gourcuff, 90°+1 Chamakh
Maccabi Haifa – Juventus 0-1
48° Camoranesi

Bordeaux 10
Juventus 8
Bayern Monaco 4
Maccabi Haifa 0

“Spacciata”, questo l’oggettivo usato per l’Inter a 5 minuti dalla fine della partita di Kiev da ogni telecronista. L’Inter si trovava all’ultimo posto nel girone con la Dinamo Kiev con 3 punti di vantaggio e la trasferta al Camp Nou di Barcellona (che deve vincere) ancora da giocare. La sconfitta ucraina che stava maturando grazie al tiro, deviato, di Andry Shevchenko capace di regalare il gol del vantaggio ai padroni di casa sarebbe stata un’autentica mazzata per le ambizioni europee dei nerazzurri. Nel finale arriva la rimonta, dopo un secondo tempo giocato tutto all’attacco, firmata da Diego Milito e dal recuperato Wesley Sneijder dopo papera di Bogush, l’estremo difensore della Dinamo.
Ora i nerazzurri sono primi nel girone e posso giocare “in difesa” gli ultimi due turni del girone di Champions.

Girone F

Rubin Kazan – Barcellona 0-0
Dinamo Kiev – Inter 1-2
22° Shevchenko (D), 87° Milito (I), 90° Sneijder (I)

Inter 6
Rubin Kazan 5
Barcellona 5
Dinamo Kiev 4

Quello che Prandelli chiama «il sogno», cioè la qualificazione agli ottavi di Champions, è sempre più vicino. La Fiorentina rifila cinque gol al Debrecen (in Ungheria erano stati quattro) e consolida il secondo posto nel gruppo E grazie al pareggio tra Lione e Liverpool. Ora i viola hanno cinque punti di vantaggio sugli inglesi a due turni dalla fine.

Girone E

Fiorentina – Debrecen 5-2
15° Mutu (F), 39° Rudolf (D), 53° Dainelli (F), 60° Montolivo (F), 62° Marchionni (F), 71° Coulibaly (D), 75° Gilardino (F)
Lione – Liverpool 1-1
84° Babel (Liv), 90°+1 Lisandro Lopez (Lio)

Lione 10
Fiorentina 9
Liverpool 4
Debrecen 0