A Oppido Mamertina, comune italiano della provincia di Reggio Calabria, succede che il prete della diocesi, tutti i fedeli e la statua della Madonna delle Grazie si fermino davanti alla casa del boss della zona e gli dedichino un inchino. Un gesto intollerabile per i carabinieri che seguono il corteo. Un gesto intollerabile per il maresciallo Andrea Marino e i suoi uomini che hanno fatto marcia in dietro, abbandonando la processione. Lo stop di meno di un minuto, come racconta il Quotidiano della Calabria, seguito da un inchino dell’effige alla dimora di Giuseppe Mazzagatti, vecchio capo clan di 82 anni, già condannato all’ergastolo per omicidio e associazione a delinquere di stampo mafioso, non è piaciuto alle forze dell’ordine. Tanto più che sono passate meno di due settimane da quando Papa Francesco, proprio in Calabria, aveva tuonato contro i mafiosi scomunicandoli pubblicamente, davanti a 200 mila persone che erano andati ad ascoltarlo a Rossano. Solo una settimana da quando il vescovo Giuseppe Fiorini Morosini per combattere i boss ha chiesto di sospendere per 10 anni la figura dei padrini ai battesimi e alle cresime. Eppure gli incitamenti a lottare contro questo stato di cose pare non sia stato raccolto dai cittadini e dal prete di Oppido Mamertina che un po’ per paura, un po’ per complicità, rosario in mano e santo sulle spalle, hanno portato i loro ossequi a chi ha sconvolto cono guerre intestine il tessuto di quella terra. Un gesto fatto in maniera plateale, proprio a marcare le distanze con quanto accaduto. Vicenda grave anche perché sembra che prima della processione, Marino – forse avendo avuto sentore di qualcosa – avesse incontrato personalmente i componenti della commissione della festa avvertendoli di non effettuare gesti particolari o inchini durante il tragitto. Una raccomandazione rimasta evidentemente inascoltata. Una brutta scena insomma, che ha scosso i militari, ma non gli altri presenti. Tant’è che quando i carabinieri hanno lasciato la processione nessuno tra le autorità civili e religiose presenti sembra lo abbia seguito. E questo nonostante avesse spiegato le ragioni del suo gesto. Tutti presenti e tutti consapevoli dunque. Tutti ossequiosi. Qualcuno per paura, altri per complicità. Con il Rosario in mano e la Madonna sulle spalle, a riverire i boss che Papa Francesco vorrebbe scomunicare.