Finale fantastica: allo svizzero il primo set, poi il serbo rimonta e chiude al quinto set dopo mille emozioni. Da lunedì il serbo sarà di nuovo in vetta al ranking Atp.
Al termine di quattro ore di autentica battaglia Novak Djokovic ha vinto la finale del singolare maschile di Wimbledon. Il tennista serbo, numero uno del seeding, ha sconfitto in cinque set per 6-7(7) 6-4 7-6(4) 5-7 6-4, lo svizzero Roger Federer, attuale numero 4 del ranking internazionale e quarto favorito del prestigioso torneo londinese, terza prova stagionale dello Slam, al termine di un match altalenante ed emozionante. Grazie all’affermazione di oggi sull’erba del centrale dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club, dove aveva trionfato già nel 2011, Djokovic tornerà da domani in cima alla classifica mondiale Atp, scalzando lo spagnolo Rafael Nadal. È sfumato invece, per quest’anno, il sogno di Federer che in caso di successo sarebbe diventato in assoluto il giocatore più titolato nella storia di Wimbledon.
Djokovic: “Innanzitutto, grazie a Roger per la partita, a lui i complimenti per la sua fantastica carriera. E grazie per avermi fatto vincere! Dopo aver perso il quarto set, non è stato facile rimettere tutto insieme e vincere al quinto. Non so nemmeno come ho fatto a vincere. Questo è il torneo più importante al mondo, ed è quello che amo di più. A 5 anni, la prima partita che ho visto è stata a Wimbledon. Ho sempre desiderato giocare a questo livello. Voglio dedicare questro trofeo alla mia futura moglie e al nostro futuro bambino. Diventerò presto padre e mi sto preparando per questa gioia grandissima. Poi voglio dedicarlo ai miei fratelli e al mio team, che sacrificano molto tempo per me. E, infine, al mio primo coach, Jelena Gencic, che mi ha insegnato tutto quello che so su questo sport”.
Federer: “Non posso credere di essere arrivato al quinto, ma non è stato abbastanza. Sapevo che affrontare Novak sarebbe stata dura, soprattutto fisicamente. Gli faccio i complimenti per questa partita e per questo straordinario torneo”.