claudio giardiello tribunale Milano video immaginiEra “pronto ad uccidere anche altre persone”, con una pistola che aveva inspiegabilmente varcato i metal detector – tutti funzionanti secondo le ultime indiscrezioni – ed ha esploso 13 colpi seminando morte al tribunale di Milano, dove si susseguono è shock per la morte di tre persone, tra cui un avvocato e il giudice Fernando Ciampi, ucciso a colpi di pistola da un imputato all’interno della sua stanza. L’uomo che ha aperto il fuoco è Claudio Giardiello, 57 anni, immobiliarista accusato di bancarotta: “Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato”, ha poi detto ai carabinieri che lo hanno arrestato. Dopo essere fuggito in moto, è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate (Monza e Brianza). L’uomo, fermato in un centro commerciale, ha avuto un malore ed è stato trasportato via in ambulanza. Prima di uccidere, Claudio Giardiello sarebbe entrato mostrando un falso tesserino da un ingresso laterale del Palazzo e dalla porta riservata all’accesso di magistrati, avvocati e cronisti.

“Il governo è pronto a riferire in Aula” sui fatti di Milano, ha assicurato il premier Matteo Renzi. “I sistemi di sicurezza del nostro Paese – ha detto Renzi – si poggiano su donne e uomini capaci al limite dell’eroismo, ma il controllo non può permettersi di avere buchi e falle come quelli che ci sono stati nel tribunale di Milano. Bisogna accertare chi, come e perché ha sbagliato. Qualcosa non ha funzionato”.

“Il sistema ha visto compiersi un insieme di errori gravi” che “le indagini dovranno chiarire”, ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando nella conferenza stampa convocata a Milano. Giardiello “era pronto ad uccidere altre persone a Vimercate”, ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. Claudio Giardiello era infatti diretto da un altro dei suoi ex soci quando i carabinieri di Vimercate lo hanno intercettato nelle vicinanze del centro commerciale “Torri Bianche” di Vimercate. Forse voleva chiudere i conti anche con lui dopo la strage al Tribunale di Milano. E’ stato preso perché i carabinieri hanno riconosciuto scooter e targa.