Segui con Rai Cultura il 4 novembre, alle ore 10, dall’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri a Roma, dell’evento di presentazione del Progetto di diffusione della cultura della legalità tra i giovani, promosso dall’Arma dei Carabinieri e dall’Agenzia Nazionale per i Giovani, al quale assisteranno oltre 300 studenti della Capitale e gli Ufficiali Frequentatori che si accingono ad affrontare, al termine del corrente Anno Accademico, la vita operativa.

carabinieri progetto legalità 2015 cortometraggi musica sport teatro insinna raf

L’ Arma dei Carabinieri svolge da tempo un’intensa attività di diffusione della cultura della legalità tra i giovani, attraverso una campagna annuale con incontri presso le scuole medie e superiori di tutto il territorio nazionale, visite di gruppi di studenti presso strutture dell’Arma, progetti ad hoc condotti con gli Enti locali e con il mondo associazionistico di settore. Tali attività riscuotono costantemente l’unanime apprezzamento da parte di tutti gli attori coinvolti e, in particolare, dai giovani studenti i quali manifestano, inoltre, grande interesse a replicare tali iniziative e addirittura ad ulteriormente svilupparne le modalità attuative, con un sempre maggior coinvolgimento attivo degli stessi destinatari con specifico riferimento a: -un più responsabile coinvolgimento nella vita civile della propria comunità;
-una maggiore adesione al sistema della democrazia partecipativa;
-un più attivo sostegno da parte delle Istituzioni a varie forme di educazione alla legalità. Alla luce delle esperienze sinora maturate, questa Scuola Ufficiali Carabinieri sta promuovendo, in stretta intesa con l’Agenzia Nazionale per i Giovani, un progetto di formazione della legalità che, puntando sul coinvolgimento attivo di giovani, tenda a ideare e realizzare un sorta di “format” che, utilizzando la musica e il cinema (cortometraggi/cartoni animati), produca dei pacchetti di legalità da diffondere sull’intero territorio nazionale, anche attraverso la già menzionata campagna di contributi alla formazione della legalità lanciata annualmente dal Comando Generale dell’Arma. Tale progetto, coinvolgendo anche gli Ufficiali Frequentatori dei Corsi di Formazione di questa Scuola in qualità di Tutors dei diversi gruppi di giovani aderenti, avrebbe un’immediata ricaduta formativa sugli Ufficiali che vivrebbero in prima persona la realizzazione di un percorso di legalità che potrebbero poi riproporre, con effetto a cascata, una volta immessi nell’Organizzazione Territoriale.
In particolare, il progetto prevede:
a. la produzione, con il supporto tecnico dell’Istituto di Istruzione superiore statale cine-tv “Roberto Rossellini”, di 4-6 cortometraggi/cartoni animati su alcune tematiche di legalità, che, qualora ritenuti idonei, potrebbero essere utilizzati a livello nazionale durante gli incontri presso le scuole elementari e medie inferiori e superiori;
b. la realizzazione, in orario extra-curriculare (dalle 17 alle 19, una/due volte alla settimana) di un corso di musica di 80/100 ore per tastiera, percussioni, strumenti a corda e a fiato, tenuto presso i locali di questa Scuola a cura di Componenti della Banda dell’Arma dei Carabinieri al fine di costituire una o più band composte da giovani studenti della Capitale, prescelti tra le fasce sociali con minori opportunità, e, Personale di questa Scuola ufficiali.
Tale progetto, partendo dalle attività in essere e facendo con esse sistema, punta a realizzare un approccio partecipativo che:
-lasci spazio all’interazione tra i giovani coinvolti, evitando l’ascolto passivo;
– valorizzi le conoscenze e le competenze individuali;
– richieda a ciascuno non solo l’adesione, ma anche la piena e consapevole partecipazione allo sviluppo del progetto;
– attribuisca a tale partecipazione una funzione di apprendimento e un risultato di ricaduta, su altri giovani, delle conoscenze apprese, grazie anche all’aiuto dei giovani Ufficiali Frequentatori di questo Istituto.
L’attività proposta dovrà tenere in debito conto, sin dall’avvio della fase concettuale, l’esigenza di connotare le varie attività in cui esso si articola con una forte dimensione europea, stimolando alla riflessione sulla nascente società comunitaria e sui suoi valori fondanti, tra i quali quello della legalità. L’espressione “dimensione europea” rappresenta un concetto ampio, alla luce del quale l’iniziativa potrebbe offrire ai partecipanti l’opportunità di identificarsi anche con giovani di altri Paesi, sulla base di valori comuni e nonostante le proprie differenze culturali, laddove il rispetto per la diversità culturale, insieme alla lotta contro il razzismo e la xenofobia, costituisce uno dei presupposti fondamentali per arricchire la loro formazione interculturale e per favorire attività comuni tra giovani con caratteristiche culturali, etniche e religiose diverse.
Tale dimensione interculturale potrebbe essere ulteriormente conseguita incoraggiando gli studenti a confrontarsi con rispetto e sensibilità sui punti di vista che perpetuano disuguaglianze e discriminazioni, favorendo la partecipazione al progetto di tutti i giovani, inclusi quelli con minori opportunità, e di contribuirvi su basi paritarie. Intendendo per giovani con minori opportunità quelli che si trovano in condizione di svantaggio rispetto ai loro coetanei per situazioni e difficoltà le più diverse (ostacoli sociali, economici, culturali e geografici). In alcuni contesti, difatti, tali situazioni e difficoltà impediscono ai giovani un accesso efficace all’educazione formale e non formale, alla mobilità e alla partecipazione transnazionale, alla cittadinanza attiva, all’autonomia decisionale e al coinvolgimento nella società in generale. Le azioni previste per il raggiungimento degli obiettivi saranno realizzate in stretta collaborazione tra la Scuola Ufficiali Carabinieri ed il mondo giovanile, con particolare riferimento alle fasce con minori opportunità e sono rivolte agli studenti delle scuole medie secondarie di primo e secondo grado presenti sull’intero territorio provinciale, anche d’intesa con la Direzione Scolastica Regionale, articolate nel modo seguente: -prosecuzione della positiva esperienza maturata già nei passati anni scolastici di incontri tra rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e studenti, con la mediazione e il coinvolgimento diretto degli insegnanti, al fine di promuovere la diffusione della cultura della legalità.
-costituzione di Gruppi di Lavoro composti da studenti delle scuole medie superiori, seguiti da Ufficiali Frequentatori dei Corsi di formazione in atto presso la Scuola Ufficiali con funzione di Tutor, per alcuni dei seguenti temi:
-violenza di genere. Stalking e femminicidio;
-pedopornografia;
-bullismo;
– sicurezza stradale;
– accesso ad internet e rischi connessi;
-ludopatia;
– interessi diffusi (ambiente, salute, lavoro, patrimonio culturale, con particolare riferimento al contesto urbano);
– uso di droghe ed alcool;
– rispetto della diversità/minore abilità;
– infiltrazione mafiosa nel tessuto socio-economico;
-la tutela dei diritti civili, politici, sociali e culturali degli immigrati, dei rifugiati e dei richiedenti asilo,volti a individuare e realizzare i più idonei strumenti didattico-divulgativi e di sensibilizzazione sui suddetti temi da proporre a giovani e giovanissimi. I lavori dei Gruppi sono stati avviati con una fase preparatoria sulle suddette tematiche, tenuta dagli Ufficiali Frequentatori e da Docenti esperti di settore della Scuola Ufficiali Carabinieri. Ciò al fine di costruire un modello di intervento educativo condiviso, ottimizzando sforzi e risorse impiegate, e di ottenere il miglior risultato in termini di valorizzazione delle conoscenze/competenze individuali e di maggior consapevolezza del rischio delle condotte agite.
Le attività dei Gruppi saranno quindi sviluppate dagli studenti partecipanti in modo del tutto autonomo per arrivare alla scrittura di soggetti/argomenti da tradurre poi in filmati. Successivamente, si realizzeranno i cortometraggi/cartoni animati divulgativi individuati nonché i corsi di musica per band.
In definitiva, il progetto in esame si svilupperà – di concerto con l’Agenzia Nazionale per i Giovani – attraverso i seguenti eventi divulgativi dei contenuti di legalità, da tenersi nell’aula magna della Scuola Ufficiali Carabinieri alla presenza di una folta rappresentanza delle scuole superiori di Roma:
– presentazione del progetto di diffusione della cultura della legalità tra i giovani, il 4 novembre 2015;
-presentazione dei cortometraggi/cartoni animati realizzati, verosimilmente nel mese di marzo 2016;
– presentazione delle band musicali giovanili costituitesi al termine dei corsi di musica tenuti, presso la Scuola Ufficiali Carabinieri dai Maestri della Banda dell’Arma, verosimilmente nel mese di maggio 2016. ELENCO DELLE SCUOLE ROMANE ADERENTI AL PROGETTO 1. Istituto Tecnico e Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Carlo Cattaneo”
2. Liceo Classico Statale “Luciano Manara”
3. Liceo Artistico Statale “A. Caravillani
4. Istituto di Istruzione superiore statale cine-tv “Roberto Rossellini”
5. “Città dei ragazzi”

Diretta streaming: