Attualità

Referendum costituzionale del 4 dicembre: nel dettaglio i motivi del SI e del NO

Il prossimo 4 dicembre gli italiani saranno chiamati alle urne, per esprimere il proprio voto sulla riforma costituzionale promossa dal governo Renzi. I cittadini dovranno decidere con un SI o con un NO se approvare le modifiche alla nostra Costituzione previste dal ddl Boschi. La riforma è già stata approvata dal nostro Parlamento, ma potrà entrare in vigore solo se…
Continua a leggere »
Attualità

Referendum 17 Aprile 2016 sulle Trivelle: i motivi del Sì e del No

Il 17 aprile si voterà sulle trivelle. Il referendum è stato voluto da 9 Regioni (Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Veneto) preoccupate per le conseguenze ambientali e per i contraccolpi sul turismo di un maggiore sfruttamento degli idrocarburi. Non propone un alt immediato né generalizzato. Chiede di cancellare la norma che consente alle società petrolifere di estrarre…
Continua a leggere »
Attualità

Isis, il video integrale della decapitazione di Etiopi in Libia

Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni. Lo riferisce il Site, il sito americano di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web. Il video ha il logo ufficiale del media dell'Isis, al-Furqan, e assomiglia ad altri video prodotti dal gruppo jihadista. Il video sembra mostrare l'uccisione di…
Continua a leggere »
Attualità

Referendum 2009, cosa c’è da sapere

Domenica e lunedì, gli italiani dovranno recarsi nuovamente alle urne per i ballottaggi delle elezioni amministrative e provinciali, in alcune zone d’Italia, e per tre referendum, su tutto il territorio nazionale. Secondo le statistiche, solo un italiano su due è informato sui quesiti per i quali dovrà indicare un sì o un no. Il referendum, anzi, i tre referenda porranno…
Continua a leggere »
Attualità

Nuovo esecutivo, fiducia al Parlamento

Dopo il voto di fiducia alla Camera dei Deputati di mercoledì e quello al Senato di ieri, la domanda da porsi è se tutte le parole, gli obbiettivi e i presupposti per una legislatura aperta al dialogo siano reali o rimangano formalità. Il governo ha avuto la fiducia con una maggioranza schiacciante, come previsto. Su 312 votanti, hanno prevalso i…
Continua a leggere »
Vai alla barra degli strumenti